Teologia spirituale

I Ciclo

Corso Istituzionale di Teologia

Nessun indirizzo



Anno di corso: 4
Crediti: 3
Docenti

Obiettivo:

Obiettivo del corso è elaborare un itinerario di sistematica riflessione sui fondamenti della vita spirituale secondo i criteri dettati dallo statuto epistemologico; l’uomo in Cristo e la sua costituzione ecclesiologico-pneumatologica è piattaforma su cui impiantare la vita secondo lo Spirito. Il corso si prefigge di raccordare la teologia con la spiritualità, promuovere il primato dello spirituale nel vissuto della comunità cristiana, scoprire l’altezza della vocazione in Cristo, aprire agli orizzonti della perfezione e della santità, dialogare col mondo della agiografia e cogliere le istanze di esemplarità che da essa scaturisce. Esso intende illustrare la bellezza della vita cristiana impegnata sul progetto mistico-ascetico in vista della comunione con la santa Trinità.


Programma:

Partendo dal bisogno di spiritualità e focalizzato il dinamismo del mistero pasquale in ordine alla vita secondo lo Spirito, il corso intende analizzare le strutture della spiritualità. In evidenza viene posta la dottrina del Concilio vaticano ii relativamente al dettato biblico-liturgico-sacramentale come base portante dell’edificio spirituale e delle figure della spiritualità “declinate al plurale”. Passato in rassegna poi lo statuto epistemologico e le varie definizioni della teologia spirituale, si elabora l’itinerario stesso del vissuto cristiano per sottolineare la necessaria risposta all’appello dell’evangelo, dello Spirito e della Chiesa; l’esperienza agiografica costituisce un costante riferimento ed una chiara ermeneutica per incarnare nell’oggi specifici modelli.
Di rilievo l’impostazione sacramentale della spiritualità: la mistica e ascesi come unico progetto del vissuto cristiano; la realtà ecclesiale come paradigma per incarnare la santità.
 
Metodo:
La riflessione viene condotta attraverso lezioni frontali volte ad illustrare la realtà epistemologica della disciplina unitamente all’itinerario storico soggiacente e le sue specifiche definizioni. Di rilievo la focalizzazione del Concilio Vaticano ii relativamente alla costituzione della spiritualità cristiana strutturalmente fondata sul dato rivelato, e sulla dinamica sacramentale. Oltre alla partecipazione attiva alle lezioni, allo studente è richiesto di elaborare in maniera scientificamente valida, una particolare tematica afferente alla disciplina ed una prova finale in forma di colloquio su un argomento approfondito dallo studente e su domande poste dal docente, sui contenuti del corso nella sessione ordinaria di esami.


Avvertenze:
Bibliografia:

Ch. A. Bernard, Teologia spirituale, Cinisello Balsamo 2002, pp. 72-97; F. Bressan, Lo sfondo mistico della teologia. La lezione breve di Anselm Stolz, Padova 2004, pp. 150-178; P. Mirabella, Agire nello Spirito. Sull’esperienza morale della vita spirituale, Assisi 2003; A. Staglianò, Teologia e spiritualità. Pensiero critico ed esperienza cristiana, Roma 2006, pp. 7-239; E. Bolis, Modelli di vita spirituale nella storia della spiritualità, in Aa.Vv., Invito alla teologia, vol. ii. Teologia morale e spirituale, Milano 1999, pp. 147-167.